CIAO!

Sono passati circa 10 anni da quanto questo blog è nato, o meglio da quando la prima versione di questo blog è finita online. Dal 2007 poi il passo avanti, con la distribuzione dei primi domini .EU mi decisi a mezzanotte e un secondo, di prenotare questo bel dominio.

E da allora è tutto qui, tutto archiviato.. 1423 post, dalla musica alle classifiche di ogni tipo (ascolti radio, tv, diffusione stampe e chi più ne ha più ne metta), fino a qualche recensione, alcune delle quali con grande soddisfazione (quella sul convertitore di audiocassette in MP3 continua ancora oggi ad essere letta da un numero impressionante di persone).

Ora è tempo di chiudere questo passatempo, per dedicarmi ad altri impegni più importanti e che richiederanno un po’ più di sforzi. E’ stato bello sapere che alcuni contenuti sono stati molto apprezzati e non è mancato lo stupore quando sono arrivate le chiamate di due grandi gruppi editoriali per una “consulenza” su alcuni temi trattati qui. Insomma, son cose che fanno sempre piacere.

CIAO

Ci si ritrova sicuramente online, tra social e newsblog, in questo grande oceano che è il web.. GRAZIE a tutti quelli che in un modo o nell’altro sono finiti a leggere queste pagine. CIAO!

Ascolti Radio 1° semestre 2014: in calo le principali emittenti, cresce Capital

RTL 102.5Un generale calo degli ascolti delle principali emittenti nazionali: è questo il dato che emerge dagli ultimissimi ascolti radio appena pubblicati da Gfk Eurisko. Nel primo semestre 2014 (rispetto ai dati del secondo semestre 2013), perdono ascolti m2o, radio R101, radio 105, radio 24, radio Deejay, radio Italia Solo Musica Italiana, radio Kiss Kiss, RTL 102.5, RDS, Virgin Radio, Radio 1 RAI, radio Radicale e radio Maria.

Gli unici segni positivi arrivano da radio Capital, RMCRadio e Radio 3 RAI. Ecco gli ascolti delle principali emittenti nazionali:

  • RTL 102.5 – 6.805.000 ascoltatori ↓
  • Radio Deejay – 4.689.000 ↓
  • RDS 100% Grandi Successi – 4.663.000 ↓
  • Radio Italia Solo Musica Italiana – 4.550.000 ↓
  • Radio 105 – 4.445.000 ↓
  • Rai Radio 1 – 3.955.000 ↓
  • Rai Radio 2 – 2.899.000 ↑
  • Virgin Radio – 2.303.000 ↓
  • Radio 24 – 1.982.000 ↓
  • Radio Capital – 1.789.000 ↑
  • M2O – 1.730.000 ↓
  • Radio Kiss Kiss – 1.717.000 ↓
  • Radio R101 – 1.659.000 ↓
  • Radio Maria – 1.382.000 ↓
  • Rai Radio 3 – 1.371.000 ↑
  • RMC – Radio Monte Carlo – 1.222.000 ↑
  • Radio Radicale – 275.000 ↓

Continua a leggere

Tresorit: il cloud storage sicuro grazie alla crittografia

Se sei tra i tanti che non riesce a fare a meno del servizio di cloud storage, sul mercato la scelta è più che mai vasta. Trovare un servizio cloud gratuito è facilissimo, da Dropbox passando per Google Drive, OneDrive di Microsoft, Copy e mille altri ancora, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Ma pochi garantiscono la sicurezza, dal punto di vista della privacy, dei file che decidi di portare sulla “nuvola”. Dopo lo scandalo NSA infatti, sono sempre più le persone che hanno cercato o stanno cercando delle valide alternative a Dropbox o servizi simili.

NSA

Lo stesso ex “contractor” dell’NSA, Edward Snowden, si è pubblicamente schierato contro Dropbox, definendo il servizio “ostile alla privacy”, per via della nomina di Condoleezza Rice (segretario di Stato dell’ex governo di George W. Bush) nel consiglio di amministrazione della società (nome che effettivamente non ispira proprio molta fiducia). Secondo Snowden la Rice è “l’ufficiale più ostile alla privacy che potesse essere nominato in assoluto”.

TresoritE allora cosa scegliere? La “cassaforte”! Se cercate un servizio affidabile e sicuro, che permette di avere 5 GB di traffico gratuito da utilizzare per i propri file, una validissima alternativa si chiama Tresorit (dal tedesco “tresor”, ovvero cassaforte). Si tratta di un servizio di cloud storage crittografato, che non permette a nessuno (nemmeno ai dipendenti della società) di poter avere accesso ai file che stai archiviando online (file, ricordo, crittografati prima di arrivare nei server di Tresorit). Ecco alcuni motivi per cui io l’ho già scelto e lo sto utilizzando con grande soddisfazione: Continua a leggere

L’inesorabile declino di Windows Phone (soprattutto in Italia)

Una delle notizie del giorno (l’altra riguarda il triste annuncio di migliaia di licenziamenti in Microsoft) è sicuramente il cambio di rotta che Satya Nadella – Chief Executive Officer Microsoft – ha annunciato nei confronti di uno dei progetti più interessanti post acquisizione Nokia: il Nokia X/X2 con cuore Android. Come è noto, Nokia a suo tempo ha avuto la lungimirante idea di non salire sul “treno” Android, ripudiando inizialmente il sistema operativo Made in Google. Scelta che ha portato Nokia, leader di mercato a livello mondiale, ad una inesorabile e veloce discesa, conclusasi con l’acquisizione del colosso finlandese (o ex tale) da parte degli americani di Microsoft.

Nokia X2

Continua a leggere